AUSL8 - via Curtatone, 54 - Arezzo tel. 0575.2551 e-mail: urp@usl8.toscana.it
Come fare Richiedere protesi e ausili

Ausili e Protesi

L'Azienda Usl8 in conformità al Servizio Sanitario Nazionale, garantisce ai cittadini affetti da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali, dipendenti da qualunque causa, l’erogazione di protesi e di ausili per compensare la perdita di abilità determinata dall’evento invalidante e sviluppare l’autonomia personale. Le protesi e gli ausili erogabili sono indicati dettagliatamente nel nomenclatore tariffario approvato con decreto del Ministero della Sanità n.332 del 27 agosto 1999 e succ. modifiche.

CHI PUO' RICHIEDERLI

  • gli invalidi civili, di guerra e per servizio, i privi della vista e i sordomuti indicati rispettivamente dagli articoli 6 e 7 della legge 2 aprile 1968, n. 482
  • i minori di 18 anni che necessitano di intervento di prevenzione, cura e riabilitazione;
  • coloro che sono colpiti da cecità assoluta o hanno un residuo visivo non superiore a un decimo in entrambi gli occhi con eventuale correzione;
  • coloro che sono colpiti da sordità dalla nascita o contratta prima del linguaggio parlato;
  • persone in attesa di accertamento che si trovano nell’impossibilità di deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore o che sono nella condizione di non essere in grado di compiere gli atti quotidiani della vita;
  • persone che presentano istanza e sono in attesa di riconoscimento, ai quali, in seguito all’accertamento sanitario effettuato dalla Commissione Medica dell’azienda ASL, sia stata riscontrata e verbalizzata una menomazione che comporta una riduzione della capacità lavorativa superiore ad un terzo;
  • laringectomizzati; tracheotomizzati; gli ile-colostomizzati; gli urostomizzati; i portatori di catetere permanente; gli affetti da incontinenza stabilizzata; gli affetti da patologia grave che li obbliga all’allettamento; le persone amputate ad un arto; le donne con malformazione congenita che comporti l’assenza di una o entrambe le mammelle o della singola ghiandola mammaria; le donne che abbiamo subito un intervento di mastectomia; le persone che abbiano subito un intervento demolitore dell’occhio;
  • persone ricoverate in una struttura sanitaria accreditata (pubblica o privata), con menomazione grave e permanente, per il quale il medico responsabile dell’unità operativa certifichi la contestuale necessità e urgenza dell’applicazione di una protesi, di un’ortesi o di un ausilio prima della dimissione, per l’attivazione tempestiva o la conduzione del progetto riabilitativo. Contestualmente alla fornitura deve essere avviata la procedura per il riconoscimento dell’invalidità.

COME RICHIEDERLI
Il cittadino, anche su indicazione del medico di famiglia, può rivolgersi ad un medico specialista pubblico, di norma della AUSL di residenza, che provvede a prescrivere il dispositivo protesico. L'autorizzazione per la fornitura del dispositivo protesico deve essere presentata, accompagnata dalla richiesta del medico specialista presso l'Ufficio Protesi e Ausili della propria zona di residenza.

PER LA FORNITURA

Ottenuta l'autorizzazione, l'erogazione può avvenire:
direttamente dalla Azienda USL all’utente presso le sedi di distribuzione (vedi elenco) o da fornitori privati, scelti liberamente dal cittadino sul territorio regionale. In caso di dispositivo erogato da soggetti privati i dispositivi personalizzati (su misura) sono erogati dai fornitori presenti sul territorio regionale individuabili consultando l’elenco. Tale elenco evidenzia anche, per ciascun fornitore, la tipologia dei dispositivi trattati; i dispositivi non personalizzati (di serie) sono erogati da fornitori in possesso dei generali requisiti per l’esercizio.

Successivamente è previsto un collaudo della protesi o dell'ausilio fornito, da parte del medico specializzato prescrittore per verificarne la corretta realizzazione e funzionalità.
Sono esenti tutte le prestazioni di assistenza protesica previste dal D.M. 332/99, sia per le visite e le prestazioni specialistiche collegate che per  la fornitura di ausili e protesi.
Nel caso di prescrizione di dispositivo non incluso nel nomenclatore indicato dal Decreto sopracitato, ma riconducibile per omogeneità funzionale ad un dispositivo incluso, l’eventuale differenza economica tra la tariffa prevista dal nomenclatore e il costo del dispositivo è a carico dell’assistito.

Vedi Elenco Uffici Protesi e Ausili


Link utili:
www.superabile.it