AUSL8 - via Curtatone, 54 - Arezzo tel. 0575.2551 e-mail: urp@usl8.toscana.it
Centri multidisciplinari Centro Oncologico Arezzo

Centro Oncologico Arezzo


Il Reparto di Oncologia Medica è posto al 4° piano del primo settore dell'ospedale San Donato  occupa circa 1200 mq., il doppio rispetto alla precedente disponibilità nella palazzina donata dal CALCIT.

Il reparto è caratterizzato dalla presenza di un ampio spazio reception e attesa (per i pazienti in trattamento), da una distinta sala di attesa per il percorso ambulatoriale Day Hospital e da un’ampia zona per trattamenti chemioterapici su poltrone, posta all’altra estremità del reparto, sul lato “pazienti in trattamento”.

In servizio il nuovo software per la gestione del day hospital e della farmacoterapia, deputato a fornire la tracciabilità della filiera dalla prescrizione del farmaco fino alla sua somministrazione, per il controllo del processo e proporzionalmente una diminuzione della possibilità di errore a tutto beneficio dell'assistito (abbattimento del rischio clinico).

Le operazioni di tracciabilità dei farmaci citostatici si compongono di fasi distinte fra loro:
1. la prescrizione del medico;
2. la prenotazione delle poltrone;
3. allestimento dei farmaci
4. la preparazione dei farmaci;
5. la somministrazione dei farmaci ai pazienti in cura.

LA DESTINAZIONE DELLA STORICA PALAZZINA CALCIT
Nella struttura è collocato l’Hospice, Vi trovano ospitalità in un ambiente sereno e confortevole, pazienti con problematiche e patologie di varia natura. Non solo coloro che affetti da una patologia cronica evolutiva per i quali i trattamenti specifici non sono più indicati e prossimi alla fine della vita, ma anche pazienti in dimissione che non possono essere seguiti adeguatamente al domicilio per le ragioni più diverse.
Nella gestione sono coinvolti Asl, cooperazione sociale, associazioni di volontariato ed enti locali che configurano un sistema nel quale la persona malata e la sua famiglia possono essere guidati e coadiuvati nel percorso assistenziale tra il proprio domicilio (sede d’intervento privilegiata e preferita nel 75 - 85% dei casi) e le strutture di degenza specificatamente dedicate al ricovero – soggiorno, sia parziale che temporaneo o definitivo.
L’Hospice costituisce un’alternativa alla casa quando questa non è, temporaneamente o definitivamente, idonea ad accogliere la persona malata, e permette di proseguire le cure in un ambiente protetto, con trattamento assistenziale continuativo nelle 24 ore.

Negli oltre seicento metri disponibili della vecchia palazzina, al piano terra c'è la parte relativa all'accoglienza dei degenti e dei familiari.oltre che gli spazi per il servizio  SCUDO e cure palliative.