AUSL8 - via Curtatone, 54 - Arezzo tel. 0575.2551 e-mail: urp@usl8.toscana.it
Case della salute

Case della Salute

AREZZO
  • Arezzo
    Via Guadagnoli,20
    tel. 0575 254900
    coordinatore organizzativo:   dr.ssa Dragoni Antonella
    coordinatore clinico: dr. Borri Giuseppe
    responsabile servizi sociali di zona:  dr. ssa Frullano Donatella
  • Civitella Valdichiana - Badia al Pino
    Via Pratomagno, 2
    tel 0575 254885
    coordinatore organizzativo:  dr.ssa Ricciardi Rossana
    coordinatore clinico:  dr.  Testi Gino
    responsabile servizi sociali di zona:  dr. ssa Frullano Donatella
    Scarica la Carta dei Servizi

CASENTINO

  • Subbiano
    Via Matteotti, 27
    tel. 0575 254380
    coordinatore organizzativo:  (non nominato)
    coordinatore clinico:  dr. Caporali Alfredo
    responsabile servizi sociali di zona:  dr.ssa Frullano Donatella
  • Rassina Castel Focognano
    Via Dante Alighieri, 1
    tel. 0575 591592
    coordinatore organizzativo:  dr. Maiellaro Gennaro
    coordinatore clinico:  dr. Balestri Alberto
    responsabile servizi sociali di zona:  dr.ssa Boribello Annalisa
  • Ponte a Poppi
    Via Nazario Sauro,8
    tel. 0575 568910
    coordinatore organizzativo:  dr. Matini Giancarlo
    coordinatore clinico:  dr. Matini Giancarlo
    responsabile servizi sociali di zona:  dr.ssa Boribello Annalisa

VALDARNO

  • Bucine
    Via San Salvatore, 9
    tel. 055 9106000 segreteria
    coordinatore organizzativo:  dr. Rossi Maurizio
    coordinatore clinico:  dr. Bindi Marzia
    responsabile servizi sociali di zona:  dr.ssa Nepi Stefania
  • Terranuova Bracciolini
    Via
    tel. 055 91061 centralino
    coordinatore organizzativo:  dott. Brogi Alberto
    coordinatore clinico:  dott. Cannelli Fabrizio
    responsabile servizi sociali di zona:  dr.ssa Nepi Stefania
  • Castelfranco - Piandiscò
    Via Europa
    tel. 05591061 centralino V.no
    coordinatore organizzativo
    coordinatore clinico: dr.ssa Paoli Paola
    responsabile servizi sociali di zona : dr.ssa Nepi Stefania

VALDICHIANA
  • Foiano della Chiana
    Via Umberto I°, 83
    tel. 0575 639550
    coordinatore organizzativo:
    coordinatore clinico: dr. Reali Roberto
    responsabili servizi sociali di zona: dr.ssa Frontini Silvella
  • Castiglion Fiorentino
    Via Madonna del Rivaio
    tel. 0575 639400 segreteria MMG
    coordinatore organizzativo:  dr. Boscherini Alba
    coordinatore clinico:  dr. Failli Giovanni Marcello
    responsabile servizi sociali di zona:  dr.ssa Frontini Silvella

VALTIBERINA

  • Pieve Santo Stefano - Caprese Michelangelo
    sede Distretto Via Coupers - Pieve S. Stefano
    tel. 0575 757888 - 757890
    coordinatore organizzativo:  dr. Galli Giordano
    coordinatore clinico e responsabile Chronic Care Model:  dr. Bernardini Massimo
    responsabile servizi sociali di zona:  dr.ssa Rinaldelli Patrizia
  • Anghiari - Monterchi
    Porta della Croce 8 - Anghiari
    tel 0575 757830
    coordinatore organizzativo:
    coordinatore clinico:
    responsabile servizi sociali di zona: dr.ssa Rinaldelli Patrizia


COS'E' LA CASA DELLA SALUTE

La Casa della Salute è una struttura che raccoglie in un unico spazio tutta l’offerta extraospedaliera del servizio sanitario, integrata con il servizio sociale locale, dove gli operatori sanitari e sociali lavorano in gruppo con l'obiettivo di creare una utenza informata, partecipe e responsabile che si senta davvero "presa in carico". 

Le attività di prevenzione, di cura e di assistenza non si svolgono solo all'interno dell'edificio, ma si realizzano anche fuori di esso, cioè nell'ambiente di vita e di lavoro, nella scuola e al domicilio delle persone. Infatti, la Casa della Salute non è solo un ambiente aperto ed accogliente per le prestazioni ambulatoriali, per l'assistenza diurna, per la riabilitazione e per la residenza degli anziani, ma è un "volano" che porta all'esterno le prestazioni sanitarie e sociali in modo programmato e coordinato per agire sulle determinanti di salute e per favorire la permanenza delle persone malate e invalide nel proprio contesto familiare e sociale. E' il servizio sanitario e sociale che va al cittadino e lo aiuta ad affrontare i problemi di salute e di cura tutte le volte che questo è appropriato, giusto e possibile.

LA RETE DEI SERVIZI

Accoglienza del cittadino e Centro prenotazioni Centro (Cup)
Anagrafe Assistiti che svolgono attività di tipo amministrativo
Prenotazioni di esami diagnostici, di visite specialistiche,
Rilascio di esenzioni ticket, scelta dei Medici di Medicina Generale (Medici di famiglia) e dei Pediatri di Libera Scelta.

LE CURE PRIMARIE

Le cure primarie sono quelle prestazioni e servizi del sistema sanitario nazionale erogati dai Medici di Medicina Generale, dai medici della Continuità assistenziale (ex Guardia medica), dai Pediatri di Libera Scelta e dagli infermieri.
I Medici delle Cure primarie eserciteranno la loro normale attività ambulatoriale e sperimenteranno un nuovo modo di fare prevenzione definito“sanità di iniziativa”: un nuovo concetto di sanità pubblica proattiva, in cui varie figure professionali sanitarie lavorano in team, che intende prevenire o ridurre le complicazioni di alcune malattie croniche (in particolare diabete, broncopneumopatia cronica ostruttiva, ipertensione, ictus e scompenso cardiaco), informando e coinvolgendo i pazienti e i loro familiari, fornendo loro un valido supporto all’autocura come processo fondamentale per il raggiungimento di un miglior stato di salute. Attualmente così com’è organizzato il nostro sistema sanitario, il paziente si presenta ai medici per essere curato e scompare una volta guarito. Questo tipo di approccio è valido per le malattie acute ma non per le patologie croniche per le quali serve un modello assitenziale diverso. Occorre evitare, riducendo i fattori di rischio, non solo che le persone si ammalino ma anche che chi è già malato, chi è affetto da malattie croniche non vada incontro a ricadute, aggravamenti o disabilità. La Casa della Salute offre questa possibilità creando un sistema studiato anche per le malattie che non guariscono,che devono essere seguite nella struttura o nel territorio,adeguatamente attrezzato, attraverso politiche e strategie mirate. E’ proprio questo che intendiamo quando parliamo di “sanità d’iniziativa” e del modello organizzativo necessario per realizzarla che in termini anglosassoni viene definito Chronic Care Model (modello di cura delle malattie croniche).

All’interno della Casa della Salute sono a disposizione dei Medici di famiglia posti di degenza diurna per particolari terapie da eseguire senza ricoverare i pazienti in ospedale o per la continuazione delle terapie alla dimissione dall’ospedale stesso. I Medici di Medicina generale sono coadiuvati da collaboratori di studio per lo svolgimento di pratiche front office, per l’archiviazione dei dati e per le incombenze amministrative delle Cure primarie.
Il medico di guardia medica lavora in stretta continuità con il medico di medicina generale grazie alla informatizzazione delle cartelle cliniche.
E’ presente tutti i giorni dalle 20 alle 8, il sabato ed i prefestivi dalle 10 alle 20, la domenica ed i festivi dalle 8 alle 20. Le visite si effettuano presentandosi personalmente alla Casa della Salute oppure presso il proprio domicilio prenotandole telefonicamente.

Assistenza infermieristica territoriale
Gli infermieri che operano nella casa della salute, svolgono la loro attività sia negli ambulatori che a casa dei pazienti. Il servizio è organizzato per garantire la presa in carico e la continuità delle cure per tutti i cittadini:

Ambulatorio Infermieristico
si accede con prescrizione del medico curante, ed effettua le seguenti prestazioni
terapia iniettiva
medicazioni
sostituzioni di cateteri vescicali
rilievo dei parametri vitali (pressione arteriosa, frequenza cardiaca, ecc.)
gestione di impianti venosi, ecc.
attività di informazione\ educazione sanitaria per l’autocontrollo della glicemia e della pressione arteriosa
somministrazione della terapia farmacologica e nutrizionale
uso di presidi ed ausili
prevenzione di lesioni cutanee croniche.

Assistenza Domiciliare 
Garantisce tutte le prestazioni sopra menzionate, ed altre, al domicilio del paziente, tenuto conto dei piani assistenziali integrati, tutti i giorni dalle 7.00 alle 19.00 eccetto il sabato pomeriggio ed i festivi nei quali sono attivabili accessi domiciliari su programmazione.

Punto Prelievi
Garantisce l’esecuzione di prelievi per esami di laboratorio sia ad orario su prenotazione CUP che in coda alle prenotazioni, con accesso diretto, tutte le mattine compreso il sabato.

Le specialità ambulatoriali
Nella Casa della Salute saranno presenti, con orari programmati dal distretto sanitario diverse specialità: Cardiologia, Diabetologia, Oculistica, Broncopneumologia, Dermatologia, Ginecologia, Psichiatria, Neuropsichiatra infantile, Psicologia. Molte di queste specialità sono inerenti alle malattie croniche previste dal Chronic Care Model e quindi funzionali a sviluppare efficacemente la “sanità di inizitiva”.
L’attività di questi specialisti andrà ad integrarsi con quella dei Medici di famiglia che rimangono sempre i responsabili dei loro pazienti.

Attività di emergenza
Presso alcune Casa della Salute c'è la postazione dell'Emergenza territoriale, intesa come punto di attesa e di partenza delle ambulanze per l’emergenza territoriale.
Le ambulanze sono dotate di tecnologie per la trasmissione in tempo reale dei parametri vitali (compreso il tracciato elettrocardiografico) del paziente alla centrale operativa dell'ospedale S. Donato di Arezzo (telemedicina) consentendo un supporto specialistico immediato nel territorio. Il servizio viene attivato dalla centrale operativa 24 ore su 24 componendo il numero telefonico 118.

Attività di prevenzione, la medicina di comunità
Il servizio è svolto da un nucleo di operatori con diverse professionalità (Medici di Comunità, igienisti, Medici del lavoro, infermieri e tecnici), che in collaborazione con il Comune, con altre Istituzioni pubbliche, con le Organizzazioni sindacali dei lavoratori e degli imprenditori e con le Associazioni di cittadini, imposta e realizza interventi di prevenzione primaria sulle determinanti ambientali e sociali che incidono sulla salute della popolazione.
Attività di screening e prevenzione sono predisposte e svolte sulle principali patologie tumorali come il cancro del colon retto, della cervice uterina e della mammella, con una collaborazione tra i Medici di Medicina Generale, gli specialisti ambulatoriali e ospedalieri, gli infermieri e gli operatori sociali.
La Medicina di Comunità effettua le vaccinazioni e rilascia le cerrtificazoni medico-legali,partecipa alle commissioni per l’accertamento dell’invalidità civile e dell’handicap,ha inoltre il compito di coordinamento di tutte le attività di prevenzione svolte all’interno della Casa e della Salute e di quelle proiettate sul territorio.

Il Consultorio familiare-materno -infantile
Laddove presente il Consultorio sono previste diverse attività per la promozione della salute del benessere della donna, della famiglia, dell'infanzia e dell'adolescenza. 
Inoltre è assicurato il percorso nascita con visite periodiche programmate e corsi di preparazione al parto.
E’ operante la segreteria organizzativa degli screening oncologici della mammella e della cervice uterina con il coordinamento delle connesse attività di educazione alla salute.
L’attività consultoriale è potenziata con la presenza dello specialista pediatra ospedaliero che consentirà di impostare programmi di integrazione culturale, di prevenzione e cura dell'obesità infantile, di identificazione precoce delle difficoltà di apprendimento. La Provincia di Arezzo ha aperto in alcune Case della Salute, lo sportello zonale Ascolto Donns, aperto tutti i lunedì mattina dalle 10 alle 13 con l’obbiettivo di offrire sostegno psicologico, orientamento, informazioni, consulenza legale, psicologica,azioni di contrasto alla violenza a tutte le donne in difficoltà.


Il Servizio per le Dipendenze
Nella Casa della Salute periferiche ha la sua sede il Ser.T della zona distretto che si occupa della prevenzione, trattamento e riabilitazione delle dipendenze legali ed illegali.
E’ un servizio multiprofessionali che eroga le seguenti prestazioni:
Informazione, trattamento, ascolto sulle dipendenze
Trattamento integrato per la tossicodipendenza
Trattamento integrato della dipendenza, abuso, uso compulsivo e saltuario di alcool
Trattamento individuale e di gruppo per smettere di fumare
Trattamento integrato del gioco compulsivo e delle dipendenze tecnologiche
Supporto in caso di problematiche giudiziarie e amministrative per questioni correlate alle tossicodipendenze
Interventi di prevenzione nelle scuole e nel territorio in rete con enti pubblici, privato sociale e volontariato.

Il Servizio per la salute mentale
Nella Case della Salute peroferiche è presente il servizio di salute mentale che comprende operatori sanitari e sociali per adulti e minori. L’Unità funzionale per adulti, in proiezione dal distretto, opera per la tutela della salute mentale, per la diagnosi e la cura delle malattie psichiatriche, dei disturbi alimentari, sostiene progetti di inserimento lavorativo e svolge attività di prevenzione nelle scuole.
L’Unità funzionale Infanzia e Adolescenza (UFSMIA), costituita da medici neuropsichiatra infantile, psicologi clinici, educatori professionali è deputata alla prevenzione, diagnosi e cura delle patologie neuropsichiche e dei disturbi di sviluppo motorio, cognitivo, comunicativo e affettivo dei bambini e ragazzi nella fascia 0-17 anni.
E’ un servizio radicato nel territorio che opera attraverso la presa in carico globale e unitaria dell’utente e della sua famiglia. Pertanto gli interventi clinici necessari si avvalgono del lavoro di rete con i pediatri, i medici di famiglia, i tecnici della riabilitazione, i servizi sociali dei comuni e della Usl, gli insegnanti, il volontariato e le cooperative sociali.

La Riabilitazione
In molte Case della Salute sono presenti strutture per lo svolgimento di pratiche riabilitative, la palestra per svolgere “l’Attività Fisica Adattata”: percorsi riabilitativi di primo livello efficaci nel mantenere in buone condizioni psicofisiche soggetti in età avanzata che presentano sindromi dolorose osteo articolari. Sotto la guida di esperti istruttori (fisioterapisti o laureati in scienze motorie) gli utenti riuniti in gruppi sviluppano un programma di ginnastica dolce, compatibile con lo stato fisico di ognuno.
E’ il Medico di Medicina Generale che individua i soggetti da avviare alla Palestra.

Area sociale
In alcune Casa della Salute confluiscono e si integrano operativamente le attività sociali dell’Azienda Usl 8 e del Comune. Il Servizio sociale unificato ha, come obbiettivo, la razionalizzazione e la facilitazione delle procedure. Garantisce il rapido procedimento delle pratiche amministrative sociali, il pronto intervento sociale, l’accoglienza e la “presa in carico” delle persone con fragilità sociale integrando il proprio operato con quello dei servizi sanitari. Coordina l’intervento ed il lavoro al domicilio degli operatori delle cooperative sociali convenzionate con il comune e con la Azienda sanitaria.
Il Servizio sociale assicura il corretto utilizzo del Fondo regionale per la non autosufficienza con uno specifico sportello definito PUNTO INSIEME dove ogni cittadino può rappresentare il proprio bisogno assistenziale dando il via ad un percorso che prevede la valutazione delle domande da parte della unità di valutazione multidisciplinare (UVM) che elaborerà, per gli aventi diritto, un Piano Assistenziale Personalizzato (PAP). Gestisce inoltre le risorse economiche dei Comuni destinate all’assistenza sociale.

Area sociosanitaria
La compresenza di operatori sanitari e sociali nello stessa sede crea le condizioni per realizzare l’integrazione operativa tra sanità ed assistenza, per far fronte ai problemi complessi dei malati oncologici, dei malati terminali, delle dipendenze, della salute mentale, delle persone diversamente abili e degli anziani non autosufficienti.
L'espressione più significativa dell'attività integrata si manifesta nella cosidetta ADI (assistenza domiciliere integrata) caratterizzata da intervento personalizzato, costruita su misura in base alle necessità, erogata al domicilio dell'interessato da professionisti che sinergizzano le loro competenze.


Il Programma delle attività è elaborato annualmente sulla base del Piano integrato di salute e del Piano dei servizi sociali approvati dalla conferenza dei sindaci di Zona.