AUSL8 - via Curtatone, 54 - Arezzo tel. 0575.2551 e-mail: urp@usl8.toscana.it
Comunicazione e stampa Ufficio Stampa Archivio comunicati “Tessere i territori” fa tappa in Casentino

“Tessere i territori” fa tappa in Casentino

Ospedale_CasentinoIl percorso conoscitivo dell’Azienda sanitaria è in programma a Bibbiena mercoledì 17 maggio

BIBBIENA – “Tessere i territori”: cioè intercettare i bisogni e produrre strumenti di programmazione per offrire risposte sanitarie e sociali appropriate. È questo il principale obiettivo degli incontri che la Direzione aziendale della Asl Toscana sud est ha messo in calendario nelle 13 Zone socio-sanitarie in cui è divisa, in vista della redazione dei Piani integrati di salute.
Si tratta di 13 giornate di studio, con il contributo dei professionisti dell’Azienda e il supporto di esperti, che si confronteranno con la Direzione aziendale e lavoreranno su più tavoli tematici, calibrati di volta in volta sulle caratteristiche e i bisogni di ogni zona. Il prossimo incontro riguarda il Casentino. Si terrà mercoledì 17 maggio in palazzo comunale a Bibbiena.
“A poco più di un anno dall’unificazione delle tre Aziende – spiega il direttore generale della Asl, Enrico Desideri - dopo aver definito il nuovo modello organizzativo, abbiamo ritenuto necessario avviare un percorso di ulteriore consolidamento dell’identità aziendale, incontrando uno per uno i territori, con i protagonisti della vita politica e sociale. Ogni volta, infatti, insieme agli amministratori locali, sono invitate anche le associazioni di volontariato e di rappresentanza dei cittadini. Non è un caso che il titolo scelto per questa lunga campagna di ascolto sia ‘Tessere i territori’. Ascolteremo direttamente dai nostri professionisti l’analisi dei bisogni in ogni zona, li confronteremo con la domanda di assistenza dei cittadini, analizzeremo le criticità e le opportunità, definiremo strumenti di programmazione coordinati e integrati”.

Il programma della giornata prevede: dalle 9 alle 13 una sessione per la presentazione del territorio, delle linee strategiche e di indirizzo per la successiva stesura dei piani; seguiranno nel pomeriggio i tavoli tematici in contemporanea con la conferenza dei sindaci. Al termine, è prevista la sintesi sulle proposte di lavoro emerse. Si ringrazia la sezione bibbienese dei Soci Coop che ha collaborato per la realizzazione del light lunch.

ll Piano integrato di salute (Pis)
È lo strumento di programmazione sociale e sanitaria, con il quale vengono definiti gli obiettivi di salute e benessere, nonché i percorsi e le politiche assistenziali in ciascuna Zona socio-sanitaria della Toscana. Il Pis è previsto dalla normativa regionale e si colloca all'interno delle linee guida, degli obiettivi e delle strategie individuate dal Piano sociale e sanitario integrato regionale (Pssir). Il Pis è articolato in tre parti:  il profilo di salute (dati demografici, sociali, sanitari e ambientali), l’immagine di salute (la percezione che chi vive in una zona ha di sé, del proprio stato di salute e del territorio), gli ambiti di programmazione strategia (progetti e obiettivi).
La zona socio-sanitaria del Casentino:
Della zona socio-sanitaria del Casentino fanno parte i comuni di: Pratovecchio-Stia, Poppi, Castel San Niccolò, Ortignano-Raggiolo, Montemignaio, Bibbiena, Castel Focognano, Chiusi della Verna, Chitignano e Talla.